(0 comments)

Carissimi Exallieve ed Exallievi di Don Bosco,

durante la pausa estiva ho finalmente letto l’esortazione apostolica “Gaudete et Exsultate” sulla chiamata alla santità nel mondo contemporaneo, che Papa Francesco ha donato alla Chiesa il 19 marzo scorso e che vi invito a leggere, qualora non l’aveste ancora fatto.

Nel commento introduttivo di mons. Antonio Staglianò, vescovo di Noto, riportato nell’edizione che ho letto, viene magistralmente delineato con pochi tratti un chiaro quadro dello stato di fatto su cui incide l’esortazione apostolica. La vita si vive all’insegna dell’esperimento, le decisioni e gli impegni assunti, anche quelli più rilevanti, possono essere rinnegati in qualsiasi momento della propria vita senza la necessità di una più o meno giusta motivazione … La provvisorietà estrema è la condizione di tutti gli affetti e i legami, tanto da mettere in dubbio il valore stesso dell’appartenenza ad un gruppo familiare o politico o religioso o sociale, con un conseguente disorientamento della propria identità … Una crisi di contesto, che è mancanza di ambiente, priva le giovani generazioni di luoghi in cui avvenga la trasmissione della fede, una volta affidata in via prioritaria alla famiglia e alla scuola … I giovani sono esposti al bombardamento della pubblicità commerciale che, in assenza di basi consolidate e riferimenti certi, rende incapaci di scelte ponderate e provoca un opprimente disorientamento della persona … La fede è costretta alla sfera individuale e privata il che impoverisce l’esperienza del credente negando il senso vitale insito nella stessa e relegandola ad astratta dottrina o semplice emozione religiosa … L’edonismo diffuso e il consumismo praticato generano forme di materialismo che contrastano con il messaggio cristiano incentrato sulla presenza dello Spirito nella mente e nel cuore dell’uomo.

Nonostante questo quadro, Papa Francesco con la “Gaudete et Exsultate” riafferma che la strada della santità è ancora accessibile e percorribile da tutti e indica alcuni impegni concreti per i credenti: un’attenta presenza sul territorio per vigilare e combattere le ingiustizie perpetrate contro gli uomini e contro la casa comune; la testimonianza significativa e credibile attraverso un modello di vita che ottimizzi le risorse, eviti lo spreco e si basi sulla condivisione, non solo e non tanto dei beni materiali, ma soprattutto delle proprie capacità, dei propri talenti; la profezia concretizzata nell’agire alla luce delle Beatitudini, direttamente trasmesse dal Maestro nel discorso della montagna, anche se ciò comporta andare controcorrente; il passaggio dalla testimonianza della carità alla carità della testimonianza per incarnare nella propria vita gli insegnamenti e la missione del Vangelo.

Esaminando, infine, le caratteristiche della santità nel mondo attuale delineate dal Santo Padre nell’esortazione apostolica, non si può fare a meno di ritrovarvi gli insegnamenti ricevuti da figli di Don Bosco. In particolare Papa Francesco ribadisce che Il santo è capace di vivere con gioia e senso dell’umorismo. Senza perdere il realismo, illumina gli altri con uno spirito positivo e ricco di speranza.

Impegniamoci, dunque, care Exallieve ed Exallievi, a percorrere, come singoli ma soprattutto come Associazione, la strada di una santità quotidiana fatta di gesti ordinari di carità, in sintonia con il Vangelo di Cristo. Solo così potremo dare testimonianza concreta a Don Bosco, affermando ancora Noi facciamo consistere la Santità nello stare allegri e fare sempre e bene il nostro dovere.

Giovanni Costanza

Currently unrated

Comments

There are currently no comments

New Comment

required

required (not published)

optional


Articoli recenti


Puoi essere santo #lidovesei


Pubblicato nella sezione FORMAZIONE il piano formativo per l'anno sociale 2019-2020, elaborato dal Delegato nazionale, don Antonio D'Angelo
Vai al Piano formativo

Aiuto al suicidio


Gli Exallievi chiedono l'intervento del Parlamento italiano per ottenere una proroga dalla Corte Costituzionale al fine di poter legiferare in merito all'aiuto al suicidio
Vai alla lettera

Strenna 2020


Nella sezione FORMAZIONE la presentazione della Strenna 2020 "BUONI CRISTIANI e ONESTI CITTADINI" diffusa dal Rettor Maggiore
Vai alla presentazione